Jimmer Fredette non gioca più in NBA, ma non ha perso la mano

Come molti sanno, Jimmer Fredette è passato dall’essere uno strepitoso giocatore di college e promessa NBA, ad essere ritenuto un “bust”. Ed infatti, dopo qualche fallimentare esperienza nel basket americano, il giocatore quest’anno ha deciso di andare a giocare in Cina, precisamente agli Shangai Sharks. Risultato: MVP del campionato e convocazione per l’All Star Game cinese. La mano è quindi rimasta quella dei bei tempi a BYU, ed a conferma di questo, durante un’evento di beneficienza negli USA, Fredette è stato autore di una prova davvero incredibile: 92 triple messe a segno su 100 tentativi. Davvero una percentuale surreale, e chissà che qualche squadra NBA non abbia pensato di riportarlo a giocare in America.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *