La coppia Harden-Paul può funzionare?

Dopo l’ufficialità del passaggio del playmaker dai Los Angeles Clippers agli Houston Rockets, la domanda sorge spontanea: come funzionerà la convivenza tra Chris Paul e James Harden? Potranno essere due giocatori compatibili?

Perché sì

Harden nella stagione 2016-17 ha giocato per la prima volta da playmaker, nonostante il suo ruolo primario sia quello di guardia tiratrice; D’Antoni ha deciso di affidare a lui il pallone aggiungendo al roster buoni tiratori (Eric Gordon, Ryan Anderson, Lou Williams…) in modo che lui potesse giocare l’1 contro 1 con la possibilità di scaricare la palla per buoni tiri. Con l’aggiunta di Chris Paul, l’azione non comincerà più con la palla nelle mani del Barba; questo potrebbe essere un buon espediente per distribuire il gioco dei Rockets tra più giocatori, diventando così sempre meno dipendenti dalle prestazioni della star della squadra e riportando ognuno alla posizione più consona sul campo. Inoltre, la presenza dell’ex Clippers potrebbe essere molto utile per lasciare Harden in panchina a rifiatare un po’ più spesso rispetto alla passata stagione.

Perché no

Potrebbe invece succedere che le due presenze ingombranti si scontrino, creando problemi a tutta la squadra come è a tratti successo proprio ai Clippers del trio Paul-Griffin-Jordan. Questo potrebbe accadere nel caso in cui, avendo James Harden meno responsabilità e leadership dell’anno scorso, le sue prestazioni si adeguino a ciò scendendo notevolmente di livello. C’è poi da ricordarsi che l’ex Thunder non ha mai dimostrato alcuna voglia di difendere e, se anche l’anno prossimo deciderà di continuare su questa linea, potrebbe rivelarsi più dannoso del solito per i compagni.

 

In definitiva, non si può sapere come andranno le cose nella stagione 2017-18 degli Houston Rockets. Certo è che, se tutto dovesse andare secondo i piani (la dirigenza starebbe addirittura pensando di acquisire un terzo big durante la free agency), la squadra texana potrebbe legittimamente candidarsi per il Larry O’Brien Trophy, coppa che Chris Paul insegue ormai da tanto, troppo tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *