Luka Doncic: il futuro della lega NBA parla sloveno

Quando si pensa alla pallacanestro, la prima nazione mondiale che salta in mente sono ovviamente gli Stati Uniti. Ed è giusto che sia così, la vera cultura del basket risiede nel Paese a stelle e strisce. Ma a volte il dio del basket decide di distribuire il talento anche in altre parti del mondo, alcune volte in luoghi che davvero nessuno si immaginerebbe.

Ecco perché possono capitare, anche se molto raramente, storie come quella dello sloveno Luka Doncic, ragazzo che ha incantato tutti ad Eurobasket 2017 e che promette di avere un futuro stellare davanti a sé.

Nato a Lubiana nel 1999 (sì, avete capito bene), attualmente play/guardia alto più di 2 metri, Luka deriva da una famiglia di sportivi: il padre è stato un cestista di livello nazionale, la madre campionessa del mondo di danza a squadre. Ma il talento di questo ragazzo non è qualcosa di ereditario, qui si va ben oltre dei geni fortunati.

Infatti, fin da bambino Luka ha sempre mostrato la stoffa del predestinato, portando le sue prodezze anche da noi in Italia: nel 2012, infatti, portò la sua Olimpija Lubiana alla vittoria del torneo U13 Lido di Roma, sfornando in finale (contro la squadra di casa) una prestazione extraterrestre da 54 punti, 11 rimbalzi e 10 assist. Questa partita, tra l’altro, gli valse il primo contratto con la squadra per cui tuttora gioca ai massimi livelli del basket europeo: il Real Madrid.

Ma non furono solo le sue prestazioni incredibili a portarlo, nel corso degli anni, ad essere considerato per distacco il miglior talento europeo della sua generazione. Di lui stupirono l’incredibile dedizione, la meticolosità nell’imparare perfettamente ogni singolo fondamentale, la visione di gioco fuori dal comune per un ragazzo della sua stazza.

Ecco perché ora, guardandolo giocare, non lo si può criticare sotto nessun aspetto: tecnica di tiro praticamente impeccabile, ottima fisicità, disciplina ferrea, altruismo fuori dal comune. Un talento cristallino, un conglomerato di tecnica e atletismo da stupire anche i più navigati osservatori mondiali.

Tra l’altro, a condire tutto ciò pochi giorni fa è arrivata quella che probabilmente è tra le più grande soddisfazioni sportive della storia della Slovenia: la vittoria, totalmente impronosticabile, al Campionato Europeo di pallacanestro. Un trionfo giunto, tra le altre cose, dopo aver sconfitto in semifinale la Spagna, storicamente favorita nelle competizioni continentali, ed in finale la Serbia, altro top team che negli ultimi anni si è sempre piazzato tra i primi al mondo. Per Doncic un campionato vissuto da titolarissimo, risultando uno dei due giocatori decisivi (insieme a Goran Dragic) con oltre 15 punti a partita.

A questo punto, è praticamente impossibile pensare che Luka Doncic possa farsi soffiare la prima scelta assoluta al prossimo Draft NBA: davanti a lui si prospetta una carriera internazionale di primissimo livello, e chissà che magari questo incredibile ragazzo non possa entrare nell’olimpo dei migliori giocatori europei di sempre, al fianco di leggende come Dirk Nowitzki, Pau Gasol ed Arvydas Sabonis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *