NBA Zones #2 – Northwest Division

Seconda puntata del viaggio tra le sei Division della lega NBA: oggi analizziamo l’interessante Northwest Division!

 

1 – Oklahoma City Thunder: dopo l’arrivo di Carmelo Anthony, niente può distogliere i Thunder dall’unico obiettivo stagionale, ossia la vittoria del titolo. La panchina appare un po’ corta, ma con dei titolari del genere la cosa passa in secondo piano; ne vedremo delle belle. Potenziale quintetto: Westbrook-Roberson-George-Anthony-Adams; second unit: Felton-Abrines-Ferguson-Grant-Patterson.

2 – Minnesota Timberwolves: quest’estate è finalmente arrivato il salto di qualità che ogni tifoso dei Wolves aspettava da tante, troppe stagioni. L’innesto di Jimmy Butler eleva Minnesota tra le squadre da playoff in una Conference sempre più agguerrita, per cui il sacrificio di un paio dei tanti giovani interessanti risulta più che lecito. Potenziale quintetto: Teague-Butler-Wiggins-Gibson-Towns; second unit: Jones-Muhammad-Crawford-Dieng-Aldrich.

3 – Portland Trail Blazers: la franchigia di Damian Lillard rimane una potenziale sorpresa, anche se quest’estate poteva essere sfruttata meglio. Si è deciso di puntare sul draft, cercando di accaparrarsi i migliori talenti disponibili, ma questa scelta rende i Blazers una squadra momentaneamente mediocre rispetto all’alto tasso di competitività della Western Conference. Potenziale quintetto: Lillard-McCollum-Turner-Davis-Nurkic; second unit: Napier-Goodwin-Aminu-Swanigan-Collins.

4 – Denver Nuggets: l’arrivo di Millsap a roster è un ottimo passo avanti per una squadra che negli ultimi anni ha sempre dovuto lottare fino all’ultimo per un posto ai playoff. Neanche quest’anno l’impresa sarà semplice, anche se questi Nuggets sembrano avere il giusto mix di freschezza ed esperienza necessario a vincere la concorrenza. Potenziale quintetto: Mudiay-Murray-Chandler-Millsap-Jokic; second unit: Nelson-Harris-Barton-Faried-Plumlee.

5 – Utah Jazz: è necessaria una ricostruzione a Salt Lake City, dopo l’addio della star Gordon Hayward. La dirigenza, sfruttando bene il mercato estivo e il Draft, ha limitato i danni, ma è ancora difficile pronosticare una stagione positiva e ricca di vittorie per Gobert e compagni. Potenziale quintetto: Rubio-Hood-Sefolosha-Favors-Gobert; second unit: Exum-Mitchell-Ingles-Jerebko-Udoh.

Tra squadre australiane sbarcheranno negli States per sfidare le franchigie NBA

La lega australiana di basket, la NBL, è in un periodo di grande sviluppo; a conferma di questo, tre squadre australiane giocheranno delle amichevoli contro squadre NBA: il 2 ottobre, infatti, ci sarà la prima di queste sfide, che vedrà opposti Utah Jazz (nel cui roster sono presenti due australiani, Joe Ingles e Dante Exum) e Sydney Kings; poi, l’8 sarà il turno di Oklahoma City Thunder e Melbourne United; infine, la sfida del 13 vedrà opposti Phoenix Suns e Brisbane Bullets.

Free agency, le firme – East/West #13

Ad Est, non succede assolutamente nulla. Ormai i giocatori ancora rimasti senza squadra sono pochi, quindi le operazioni di mercato dovrebbero praticamente essere terminate.

Ad Ovest, ancora attivi i Jazz: tagliano l’ala Boris Diaw, veterano francese, e firmano il lungo proveniente dal Fehnerbahce Ekpe Udoh. Il nigeriano naturalizzato statunitense, miglior giocatore difensivo dell’ultima Eurolega (vinta), ritorna in NBA dopo le esperienze con Warriors, Bucks e Clippers. Gli Spurs invece rinunciano ai diritti sulla guardia atletica Jonathon Simmons: al suo posto preso l’ex Efes Brandon Paul. Rajon Rondo non ha ancora trovato una squadra che lo metta sotto contratto, ma forse a breve i Pelicans potrebbero offrirgli un annuale. Nel frattempo dalla corsa per il playmaker ex Bulls si sono ritirati i Lakers, che hanno deciso di scommettere su Alex Caruso, giovane visto brillare alla Summer League, come riserva di Lonzo Ball.

Free agency, le firme – East/West #12

Ad Est, i Cavaliers firmano Cedi Osman per tre anni. Il ventiduenne turco era stato scelto al secondo giro del Draft 2015, salvo poi rimanere all’Efes altre due stagioni. Gli Hawks rinnovano un altro turco, Ersan Ilyasova, con un contratto annuale da 6 milioni.

Ad Ovest, i più attivi sono i Jazz, che firmano l’ala svizzera Thabo Sefolosha, con un biennale da 10,5 milioni, e l’ex Celtics Jonas Jerebko, con un biennale da 8,2 milioni. I Timberwolves sarebbero interessati al veterano Tony Allen, tra i migliori giocatori difensivi in circolazione. Infine, i Rockets vogliono a tutti i costi arrivare a Carmelo Anthony, e starebbero pensando di farlo tramite una trade a quattro squadre.

Free agency, le prime firme – Western Conference

Ad Ovest invece, gli Warriors sono al lavoro per conservare la squadra vincitrice nella stagione da poco conclusa: rifirmati Curry (contratto più ricco della storia, circa 40 milioni all’anno per 5 anni), Iguodala, Livingston e West. Molto attivi i Rockets, che oltre a rinnovare Nenè firmano anche l’ala PJ Tucker per 4 anni ed il misterioso cinese Zhou Qi. I Jazz rifirmano l’australiano Joe Ingles, mentre i Pelicans si assicurano Jrue Holiday per altri 5 anni. Infine il rinnovo di Blake Griffin coi Clippers, di cui abbiamo già parlato.

NBA, i playmaker che cambiano divisa

Questa notte si sono concretizzate varie operazioni di mercato riguardanti lo spot di portatore di palla: questo potrebbe “cambiare la faccia” delle squadre interessate, scombinando ulteriormente l’equilibrio delle due Conference. Cambia play Minnesota, che dopo anni di rumors riguardanti la partenza di Rubio finalmente spedisce lo spagnolo agli Utah Jazz ottenendo in cambio una scelta al primo giro. Ai Wolves arriva invece il free agent Jeff Teague, in grado di garantire più punti e stabilità. I Bulls invece tagliano Rajon Rondo, che aveva un contratto pesante e nel suo periodo a Chicago aveva creato più problemi che gioie.

Teodosic sempre più verso l’NBA

Il giocatore simbolo di tutti i trionfi ottenuti dal CSKA Mosca negli ultimi anni ha dichiarato, in un’intervista, che la sua partenza è ormai certa. Non si è sbilanciato sulla destinazione futura, ma i rumors che lo vedono partire per l’America si intensificano sempre di più. Su di lui ci sono i Sacramento Kings, gli Utah Jazz e i Chicago Bulls.